Comunicare la riapertura del negozio ai clienti: ecco come

Comunicare la riapertura del negozio ai clienti: ecco come

Non manca molto alla riapertura dei negozi. In questa fase la parola d’ordine è riaprire sì ma in sicurezza. Ecco perché, oltre a prendere tutte le precauzioni del caso, sanificare gli ambienti e predisporre la pulizia certosina dei prodotti venduti, c’è anche da comunicare con i clienti.

Il motivo è semplice: bisogna rassicurarli, informandoli sulle procedure di sicurezza messe in atto, sulla riapertura, sui nuovi orari e sui servizi che serviranno a rendere l’afflusso più tranquillo.

Se anche tu ti stai preparando a comunicare la riapertura del negozio ai tuoi clienti, la tecnologia, come per altri settori, ti viene in aiuto. Sono soprattutto gli strumenti mobile il tuo asso nella manica e utilizzarli nel modo giusto può fare la differenza. Contatta i tuoi clienti via SMS, con l’instant messaging (Whatsapp, Telegram ecc.) ma assicurati anche di mettere in chiaro tutte le nuove norme che ci sono da seguire. Per farlo puoi creare nuove pagine del tuo sito o semplici landing page. Non sai da che punto cominciare? Ti aiutiamo noi.

Quali comunicazioni inviare ai clienti?

Qualunque strumento tu decida di usare, pensiamo che in questo momento siano 3 i messaggi da veicolare in modo chiaro:

  1. Il tuo negozio è stato sanificato e visitarlo è sicuro. In più ti consigliamo anche di sottolineare che ogni giorno verranno garantite operazioni di pulizia approfondite degli ambienti e dei prodotti venduti. Il testo del messaggio potrebbe essereGentile Cliente, ci stiamo preparando a riaprire. Per questo ti informiamo che tutti gli ambienti sono stati sanificati e che potrai venire in negozio in assoluta sicurezza. Ogni giorno alla chiusura sanificheremo prodotti e locali. A presto!
  2. Quando e con quali modalità riaprirà il tuo negozio. È importante comunicare chiaramente gli orari e i giorni di apertura, soprattutto se ci sono delle differenze rispetto agli orari tradizionali. Basterà scrivere un testo come questo “Cara Maria, il nostro negozio di scarpe riapre oggi con nuovi orari. A maggio saremo disponibili solo al mattino dalle 9 alle 13, dal martedì al sabato. Ti aspettiamo!Comunicare la riapertura del negozio - esempio SMS
  3. I nuovi servizi messi a punto per garantire un corretto afflusso in negozio e permettere a tutti di fare acquisti. Con l’inizio di questa nuova fase non si tornerà del tutto alla normalità e soprattutto non tutti si sentiranno sicuri di uscire e fare shopping. Per questo creare nuovi servizi che rendano l’esperienza di acquisto più sicura può essere la soluzione. I servizi da attivare possono essere: ingresso in negozio tramite appuntamento, click & collect o consegna a domicilio. Ognuno di questi dovrà ovviamente essere supportato da pagine del sito dedicato o landing page che permettano di prenotare l’appuntamento o scegliere il prodotto da ritirare in negozio (click & collect). Vuoi saperne di più su come potresti offrire questi servizi ai tuoi clienti? Scarica gratuitamente il nostro nuovo eBook dedicato alla ripresa nel retail.

Quali strumenti usare per comunicare la riapertura del negozio?

Instant messaging, email e social

Come dicevamo all’inizio di questo post, la tecnologia offre una serie di strumenti di comunicazione per comunicare la riapertura. Dall’instant messaging, agli SMS, dalle email ai social, i canali da usare possono essere diversi. Inviare messaggi tramite Whatsapp e Telegram può essere la soluzione giusta ma i messaggi rischiano di perdersi tra le tante comunicazioni con amici e parenti. Le email possono essere valutate ma tenendo anche conto dell’alto livello di spam che rischia di non far leggere i messaggi ai destinatari. I social, infine, sono utilissimi per mantenere la propria presenza online. Dall’altra parte però, a meno di importanti investimenti in pubblicità, non garantiscono una visibilità ottimale.

Comunicare la riapertura del negozio - retail commercio al dettaglioSMS

L’unico strumento che permette di comunicare la riapertura del negozio davvero a tutti è l’SMS. Perché è un canale diretto, privo di spam e che ha un tasso di lettura del 93% entro pochi minuti dalla ricezione. Inoltre anche le fasce più anziane della popolazione possono ricevere SMS senza problemi, visto che non occorre uno smartphone né un’app apposita per leggere questi messaggi.

SMS pubblicitari

Ma non finisce qui. Gli SMS sono utilissimi per comunicare con i propri clienti ma anche per acquisirne di nuovi; soprattutto in un periodo come questo in cui i negozi di quartiere vengono preferiti ai grandi magazzini in centro. Con gli SMS ADV, infatti, si avrà a disposizione un database di 21 milioni di numeri consenziati da cui selezionare i propri destinatari in base a genere, età e area geografica. Se quindi si ha un piccolo negozio di abbigliamento per bambini e si vuole puntare su chi risiede nei quartieri limitrofi, si può selezionare il target che corrisponde ai CAP vicini.

Sito internet o landing page

Come leggerai anche nel nostro eBook, inoltre, tutte le nuove regole, orari e servizi, devono essere spiegati nel modo giusto ai clienti. Per questo consigliamo sempre di aggiungere ai propri SMS un link ad una pagina web in cui sia approfondiscano le novità. Se non si ha un sito internet o non si vogliono investire risorse e tempo nell’aggiornarlo, consigliamo di puntare sulle landing page. Si tratta di mini pagine web che è possibile creare senza che si abbia alcuna conoscenza tecnica. La personalizzazione richiede poco tempo, si possono aggiungere immagini, testi, form di raccolta dati, mappe, bottoni social e molto altro.

Hai trovato utili i nostri consigli su come comunicare la riapertura del negozio ai tuoi clienti e vuoi creare una campagna SMS? Fai login.

Non hai un account Skebby? Registrati subito, è gratuito.

Iscriviti ORA a Skebby

Francesca Quagliata

Sono Digital Marketing Strategist per Skebby. Nata umanista e naturalizzata marketer, ho una passione per la scrittura breve ed efficace, ecco perché nel 2016 sono approdata in Skebby. Dopo aver conosciuto tutti i segreti che ci sono dietro ai 160 caratteri di un messaggio, mi sono appassionata sempre di più a questo mondo. Quando non sono impegnata ad abbreviare testi, divoro serie tv o sforno torte (e poi divoro anche quelle).

    I commenti sono chiusi