SMS vs Whatsapp per il business: una comparativa ragionata

SMS vs Whatsapp per il business: una comparativa ragionata

In questo post vogliamo offrire una comparativa dettagliata tra SMS vs Whatsapp per il business, due tra i mezzi di comunicazione più diffusi.

SMS vs Whatsapp al giorno d’oggi

L’SMS è morto!

Gli SMS? E chi li usa più? Adesso c’è Whatsapp!

 

Queste sono solo alcune delle frasi che si sentono e leggono sempre più spesso riguardo l’SMS. Considerando che il nostro business si basa proprio sull’uso degli SMS, sentiamo che è diventato necessario fare un confronto tra l’SMS e il suo diretto discendente, Whatsapp.

Come vengono usati gli SMS vs Whatsapp per il business?

Prima di iniziare la comparativa dettagliata, ci siamo chiesti quale sia la maggior differenza tra due mezzi di comunicazione che sono nati con lo stesso scopo. Infatti, entrambi sono stati concepiti per comunicazioni brevi e dirette tra amici e famigliari. Quindi in cosa differiscono? Sicuramente SMS e Whatsapp presentano caratteristiche molto diverse, ma al giorno d’oggi quello che li distingue maggiormente è proprio l’uso che se ne fa.

Infatti, l’SMS oggi viene usato principalmente in ambito business, mentre Whatsapp viene scelto per le comunicazioni interpersonali. Si tratta quindi di strumenti diversi che difficilmente possono essere paragonati tra loro, perché hanno un utilizzo differente:

  • SMS principalmente usato in ambito B2C
  • Whatsapp principalmente usato in ambito C2C

Ma come mai solo gli SMS vengano usati in ambito business? Per trovare una risposta abbiamo deciso di proporti una comparativa ragionata SMS vs Whatsapp per il business.

Perché l’SMS vince nella sfida SMS vs Whatsapp

Di seguito i motivi per cui gli SMS vengono prediletti dalle aziende come un mezzo di comunicazione per comunicare con i propri clienti:

1. L’SMS è più formale e meno invadente rispetto a Whatsapp

SMS vs Whatsapp - SMS

Questo è perfettamente in linea con un utilizzo business. Su Whatsapp infatti si condividono la propria foto e il nome e cognome; anche per questo infatti è necessario passare attraverso vari “ostacoli” prima di poter parlare per la prima volta con qualcuno (obbligo di conferma per invio primo messaggio). Gli SMS invece possono essere inviati a chiunque, infatti il 93% degli SMS ricevuti viene letto dai destinatari.

2. La notifica di ricezione di un SMS viene sempre notata

SMS vs Whatsapp - NotificaPoiché la maggior parte delle comunicazioni interpersonali avviene su Whatsapp, qui le notifiche push di una comunicazione business potrebbero perdersi tra mille altre. Infatti, il tasso di apertura dei messaggi in Whatsapp è inferiore a quello dell’SMS.

3. Il target di Whatsapp è più limitato rispetto a quello dell’SMS

Per comunicare su Whatsapp è necessario che il destinatario abbia installato l’app e abbia una connessione dati attiva. Se solo manca la connessione internet, il destinatario non riceverà il messaggio. Dall’altra parte l’SMS non ha bisogno di alcuna app e nessuna connessione. Questo significa che chiunque può ricevere un SMS, indipendentemente da connessioni internet e tipo di dispositivo.

4. L’ Integrazione API lato server è possibile con un provider SMS

SMS vs Whatsapp - APILa possibilità di effettuare invii SMS con le API rende gli SMS un mezzo adatto alle aziende e alle comunicazioni business. L’integrazione delle API di Skebby può avvenire in pochissimo tempo su qualunque gestionale, CRM, programma proprietario. Grazie ai nostri esempi di codice, il processo di integrazione è semplice e veloce. Whatsapp invece ha reso disponibili le proprie API per l’integrazione di Whatsapp Business solo ad un numero limitato di aziende, per ottenerle è necessario fare una richiesta che raramente viene accettata.

5. Non è consentito utilizzare Whatsapp per inviare messaggi di massa 

Whatsapp ha recentemente ribadito, nel documento contenente Termini e Condizioni del servizio, che “a partire dal 7 dicembre 2019, intraprenderà azioni legali contro coloro che riteniamo commettano o aiutino altri a commettere abusi che violano i nostri Termini di servizio, come l’invio di messaggi automatici o di massa, o l’uso non personale”.

Whatsapp è stato concepito per scambiare messaggi con amici e familiari e non per inviare messaggi di massa, azione invece consentita da Whatsapp Business (che come già detto concede le API solo a poche aziende) e da piattaforme SMS come Skebby (API gratuite e semplici da integrare). Utilizzare metodi alternativi che consentano di fare un uso improprio di Whatsapp diventerà quindi sempre più rischioso e di conseguenza poco profittevole.

6. Whatsapp Business è molto più costoso di un provider SMS

Com’è noto, l’invio di messaggi tramite la versione tradizionale di Whatsapp è gratuita, diverso il discorso per Whatsapp Business. Non è molto chiaro se i prezzi resteranno invariati ma, al momento, i messaggi di WhatsApp Business costano tra i 4 e gli 8 centesimi (le tariffe variano a seconda del paese). Un provider SMS come Skebby, invece, non solo offre prezzi SMS inferiori ma prevede anche grossi sconti in base alla quantità di SMS acquistati. Un bel vantaggio per le aziende che vogliono comunicare con i clienti in modo efficace ed economico.

Conclusioni

La nostra breve comparazione decreta l’SMS come lo strumento vincitore per le comunicazioni aziendali. Questo non significa sottovalutare l’importanza e i vantaggi che Whatsapp porta con sé, ma solo chiarire il ruolo fondamentale che l’SMS ha come strumento di business.

Se ti interessa approfondire i servizi di SMS business offerti da Skebby clicca qui.

I commenti sono chiusi